Osservatorio Astrofisico di Catania

Catalogo storico degli strumenti

Obiettivo fotografico

MINISTERO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA
Osservatorio Astrofisico di Catania
CATALOGO GENERALE
1
CATALOGO INTERNAZIONALE
---
SIGLA
S.S.S.

COSTRUTTORE DATA UBICAZIONE TIPOLOGIA NUMERO
NOME: Steinheil
NAZIONE: Germania
CITTÀ: Munchen
SECOLO: XIX
ANNO: 1886
NAZIONE: Italia
CITTÀ: Catania
ENTE: Osservatorio Astrofisico
SETTORE: VI; Astronomia
TIPO: 03; Telescopi rifrattori
OGGETTO: Obiettivo fotografico
02
DIMENSIONI
LUNGH.: --- LARGH.: --- ALT.:
PROF.: 8 cm DIAM.: 42 cm CIRC.: ---
CARATTERISTICHE OTTICHE
LUNGH. FOCALE: 343,1 cm °) v. note particolari. APERTURA: 33 cm N. LENTI: 2
OBIETTIVO: Obiettivo fotografico OCULARE: --- Altro: ---
ALTRE CARATTERISTICHE: Barilotto in acciaio. Doppietto con flint avanti. - v. Catalogo Astrografico, zona di Catania, vol. V parte 1, pag. v.
MATERIALI: Bronzo,ferro, vetro
ANNESSI E ACCESSORI: ---
STATO DI CONSERVAZIONE: Buono
NOTE PARTICOLARI: Obiettivo fotografico Steinheil. Commissionato allo Steinheil di Monaco da P. Tacchini, per la realizzazione della " Carta del Cielo ", relativa alla zona di cielo assegnata all'OACT. L'obiettivo fu dotato di una canna, di un cannochiale guida e di una montatura equatoriale fabbricati presso la Salmoiraghi (Mi). La montatura equatoriale, però, poco prima della consegna, dovette essere profondamente modificata per adattarla alla nuova zona di cielo assegnata, nel frattempo, all'OACT; la stessa montatura fu poi revisionata nel 1935 e nel 1960. Nel 1970, trasferito l'OACT alla Città Universitaria, montatura e telescopi furono smantellati; l'obiettivo, montato sulla barra equatoriale della nuova sede, alimentò, fino al 1977, lo spettroeliografo costruito per l'OACT dalla ditta Salvadori di Firenze, su progetto dell'ing. Martinelli. Dal 1983 dotato di una nuova canna, nuovi chassis, l'obiettivo e il suo cannochiale guida sono stati attaccati alla canna del riflettore Schmidt, della Stazione Stellare di Serra La Nave. °) La focale di 343,1 cm è riportata in una nota di A. Riccò pubblicata sul fascicolo LXXXV dell'Accademia Gioenia di Catania. Tuttavia, dalle misure delle coordinate rettangolari ed equatoriali di due coppie di stelle, ciascuna su una lastra differente, e riportate nel Catalogo Astrofotografico di Catania, è stata ricavata una lunghezza focale di 344 cm.
STRUMENTO - DESCRIZIONE, FUNZIONAMENTO E USO: E' costituito da due lenti: una convesso-concava (di flint) con la superficie convessa rivolta verso il cielo ed una piano-convessa (di crown) con la superficie piana rivolta verso il piano focale. Le lenti sono spaziate di 0,25 mm e formano un sistema che ha lunghezza focale di 343,1 cm ( °) v. note particolarii). L'obiettivo è corretto per l'aberrazione cromatica, nello spettro compreso tra le righe G' (4340A°) e D (5890A°).
ANNESSI E ACCESSORI - DESCRIZIONE, FUNZIONAMENTO E USO: Barilotto in acciaio con viti di bascullaggio.
INVENTARI PRECEDENTI E DATA DI ACQUISIZIONE ULTIMA: ---
CONDIZIONE GIURIDICA: Proprietà dell'OACT
CARATTERISTICHE DI COLLOCAMENTO: E' montato su una canna, affiancata a quella del telescopio Schmidt, presso la stazione di Serra La Nave.
ESPOSIZIONI TEMPORANEE: ---
INVENTARIO: ---
OSSERVAZIONI:
BIBLIOGRAFIA -
  1. - A. Riccò: Osservatorio Astrofisico, in Annuario dell'Università di Catania, a.a. 1899-1900 p.302 - A. Riccò: Il grande obiettivo fotografico del Reale Osservatorio di Catania. Atti Accademia Gioenia-Fasc. LXXXV p. 2-10, 1905. - Catalogo Astrofotografico della zona di Catania, Vol. V parte 1, pag v e Vol. 1-8. - Il R. Osservatorio Astrofisico di Catania all'Esposizione Universale di Roma, 1940, Tav.V.
COMPILATORE: E. Catinoto LINGUA: Italiano. TRADUZIONE: --- SCHEDA: --- DATA: ---



Precedente

Pagina iniziale



Successiva